Tag

, , , ,

Quello che Bezmenov dice è estremamente serio e interessante: nelle nostre società occidentali è stato scatenato un processo di sovversione ai tempi dell’URSS. Adesso siamo nel processo. Che ci siano ancora agenti di sovversione che “spingono” o che non ci siano più, il risultato non cambia: una volta messa in moto, la de-moralizzazione continua il suo corso. Quello che viviamo adesso sono, nella migliore delle ipotesi, le conseguenze di un processo disgregante che è stato positivamente voluto.

[Continua una sintesi dalla parte III.2 e dalla III.3]

Quali sono le aree della società nelle quali si interviene per la sovversione? Religione: distruggere la religione accettata e rispettata del paese-obiettivo, ridicolizzarla, sostituirla con sette e culti fake che portino l’attenzione della gente verso una fede primitiva, ingenua, non importa quale. La cosa importante è che il dogma religioso venga eroso lentamente e la gente allontanata dall’obiettivo supremo di ogni religione tradizionale: mantenere una profonda relazione con l’Essere supremo. Educazione: distrarre le persone da imparare cose vere, tradizionali e concrete, introducendo corsi come “storia del conflitto urbano”, “cibo naturale”, “economia domestica”, “la tua sessualità”: qualsiasi cosa, basta che allontani dal sapere vero. Vita sociale: Rompere tutte le relazioni naturalmente stabilite tra individui, gruppi di individui e società come un tutto e sostituirle con organi artificialmente e burocraticamente controllati. Invece di relazioni naturali di amicizia e spontanea solidarietà, stabilire la mediazione di istituzioni di operatori sociali. Queste sono dipendenti della burocrazia. La loro preoccupazione principale non sarà la tua famiglia, tu o le relazioni sociali: sarà lo stipendio. Non importa cosa faranno, quello che interessa è che faranno di tutto per mostrare il loro lavoro al governo e alla gente per mostrare che sono utili, sostituendosi sempre di più alle relazioni dirette. Strutture di potere. Gli organi di governo, tradizionalmente eletti dalla gente, vengono lentamente erosi e sostituiti da organi artificiali: gruppi di persone, che nessuno ha mai eletto ma che si trovano ad avere un potere incredibile. Un esempio sono i mass-media: chi li ha eletti? Eppure decidono, con un potere incredibile, cosa è buono e cosa non lo è per la tua vita. Legge e ordine. Se guardate i film degli ultimi venti-venticinque anni, gli ufficiali dell’esercito USA appaiono sempre cretini, rabbiosi, psicotici, paranoici, maniaci guerrieri. Il bandito, invece, fuma marijuana, usa eroina, ma fondamentalmente è una persona buona: è un creativo, è improduttivo soltanto perché è la società che lo opprime. Il poliziotto è un porco, rude, che abusa del suo potere. Sono generalizzazioni incentivate che portano all’odio, alla sfiducia verso le persone che devono proteggerti, che devono far rispettare la legge e l’ordine. La colpa dell’azione dei criminali è sempre della società, il singolo non è mai realmente imputabile per le sue azioni. Quindi, alla fine, nessuno ha colpa = non esistono colpe = relativismo morale. Relazioni di lavoro. In questa fase aiutiamo a trasformare e distruggere tutte le tradizionali leggi contrattuali dirette tra padrone e lavoratore. I sindacati, da protezione dei lavoratori, diventano agenti di scontro. La contrattazione non deve avere più l’obiettivo di un accordo, che porti alla miglioria delle condizioni di lavoro e aumento di salario, bensì trasformare la relazione in scontro, in tensione, con scioperi, sabotaggi, picchetti, intimidazioni. Tutto per rafforzare i leaders del sindacato e rendere chiara la propria forza.
(aggiornamento a questo proposito : una curiosa epidemia)
[continua]

Annunci