Tag

,

 

Oggi ho terminato la mia partecipazione al Simposio, che verteva sul dialogo tra letteratura, filosofia e teologia. Per due giorni, due ore al giorno, ho avuto sessanta giovani studenti brasiliani che hanno ascoltato con un´attenzione impressionante, il desiderio profondo di Dio che Dante continua a comunicare attraverso la Commedia. Traducevo prima il senso di alcuni brani, poi li leggevo in originale. Lo sguardo sgomento al Per me si va nella città dolente, le lacrimucce a e caddi come corpo morto cade, le risate al e del cul fece trombetta, il silenzio al  Era già l´ora che volge il disio (chi meglio di un brasiliano sa cosa sia la saudade?) l´emozione al Vergine madre figlia del tuo figlio… sono stati per me una emozionante conferma di come Dante sia la storia di tutti, di come tutti possano dire, al termine del cammino dalla selva all´amor che move il cielo e l´altre stelle, sì, è la mia storia.

 

 

Annunci