Tag

Che tristezza, che tristezza, che tristezza… 
Una città come la mia Firenze, affetta da stupidità acuta, cronica, irreversibile. Mi solleva appena appena il fatto che in mezzo alla indecenza ideologica sinistrista, che siede nelle sale dove ben altre voci si levarono nei secoli passati, qualche coscienza (poche, poche!) sia ancora viva. E, soprattutto, che si alzi forte e fiera la voce dell´Arcivescovo. Cosa questa che, negli ultimi anni, non si vedeva di frequente.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Un consigliere cattolico adultissimo del Pd fiorentino: «Ho votato a fa­vore di un atto amministrati­vo, non un documento con im­posizioni morali. E l’ho fatto in totale coscienza per garantire quei cittadini che vogliono re­digere il testamento biologi­co».

Può darsi che un politico non sia capace di pensare una  stupidità qualsiasi, però è sempre capace di dirla
(Nicolás Gómez Dávila, Escolios a un texto implicito. Selección, Bogotá, 2001, 88)

Annunci