Tag

Image

 

Abito molto vicino a Piazza Santa Maria Maggiore. Quando sono a Roma nel giorno del Corpus Domini (Corpus Christi in Brasile, Corpo de Deus in Portogallo… come è bello, tanti nomi un unico mistero!) cerco sempre di stare lì all’arrivo della processione. Anche ieri sera ero al mio solito posto, ormai sperimentato come uno dei migliori, che sfrutta un rialzo della piazza che normalmente sfugge agli osservatori. Tutti si accalcano alle transenne, invece io mi posso comodamente appoggiare a un certo portone e vedere benissimo. Potrei anche stare in una delle finestre della piazza, invitato da una persona che conosco molto bene; ma mi piace stare in mezzo alla gente, perché ogni anno faccio degli incontri simpatici. Un paio di anni fa mi si era messa accanto una coppia di persone sulla sessantina, vestiti in modo totalmente sballato, tendente al kitch-fuori-di-testa. Orecchini, piercing, lei con un trucco improbabile, lui che mi ricordava un incrocio tra uno della “mala” nei poliziotteschi degli anni ’70 e un bagnino di Viareggio. Dentro di me avevo continuato a pensare di tutto, confesso, come cose del tipo “Ma proprio qui si dovevano mettere? Sono venuti a curiosare o a fare chissà quali commenti… Sapranno cosa avverrà? Turisti…”. Quando invece arrivò il Papa e diede la benedizione, io rimasi incantato dalla loro devozione: si inginocchiarono e con gli occhi lucidi fissavano quel punto bianco davanti alla Basilica.

Ieri incontri più normali: un paio di preti indiani (mamma mia che fatica capire il loro inglese), due ragazze spagnole e un frate brasiliano, con il quale abbiamo conversato tutto il tempo su Gregorio di Nissa.

Poi è arrivato il SS. Sacramento. E qui, ancora una volta, come sempre, è avvenuta la cosa per la quale non voglio mai perdermi questo momento. La piazza, tutta la piazza, gremita di persone, sprofonda in un enorme silenzio. Moltissimi, alla Benedizione, si inginocchiano: il tempo pare fermarsi, perfino i gabbiani che ormai sono una colonna sonora costante, si sono chetati.

E la stessa pace scivola, con lo stesso silenzio, nel mio cuore.

 

(stupendo quello che ha detto il Papa alla Messa)

Annunci